fbpx

La Libertà di Stampa: un Pilastro della Democrazia sotto Assedio

La libertà di stampa rappresenta uno dei pilastri fondamentali della democrazia. È un diritto che dovrebbe permettere ai giornalisti di operare senza timore di censura o repressione, garantendo così che i cittadini possano accedere a informazioni di pubblico interesse. In tal modo, si mantiene una società informata e vigile. Tuttavia, la realtà contemporanea mostra come pressioni politiche, economiche e sociali possano ostacolare il lavoro giornalistico, limitando l’accesso alle informazioni e compromettendo la qualità e l’indipendenza delle notizie.

Nonostante queste difficoltà, esiste una parte di giornalisti che riesce a sfuggire a tali pressioni, operando con integrità e assumendosi la responsabilità di informare il pubblico in maniera accurata e imparziale. Questi professionisti, veri guardiani della democrazia, verificano le fonti e presentano i fatti in modo obiettivo, mettendo spesso a repentaglio la propria carriera, le loro famiglie e la propria incolumità.

Ho scelto anch’io di non allinearmi al sistema, anche a discapito della mia crescita professionale e politica. Un amico mi disse una volta: “Tu non crescerai mai… non sei ‘organico’. Non ti affideranno nessun incarico lavorativo o politico.” Aveva ragione. Non mi sono mai sottomesso, nemmeno quando durante il mio mandato da consigliere fui raggiunto in bagno (del Comune) e riempito di improperi da chi pensavo mi fosse amico. La sua rabbia e le sue offese furono per me la conferma che stavo facendo la cosa giusta e che in alcun modo volevo essere “organico”.

Oggi, qualcuno potrebbe ingenuamente pensare che la battaglia per la libertà di stampa sia ormai vinta e che il suo valore sia universalmente riconosciuto. In realtà, dopo trent’anni di attività e impegno quotidiano, posso affermare che le difficoltà e le minacce persistono, ricordandoci che la lotta per una stampa libera e indipendente non è mai finita e forse non finirà mai.

Libertà di Stampa: Festival del Giornalismo

Durante il Festival del Giornalismo (Ronchi dei Legionari), ho avuto il piacere di incontrare Sigfrido Ranucci di Report. Nonostante i chilometri macinati, non potevo assolutamente perdere l’evento “In nome della Verità: storie di giornalisti che diventano vittime”.