BARI: NAVIGATOR E REDDITO DI CITTADINANZA SONO UN FLOP? L’INTERVISTA VIII PUNTATA

Flop reddito cittadinanza navigator. Come reagiscono i cittadini baresi allo sperpero di risorse pubbliche?

Reddito di cittadinanza e vavigator un flop? Il fallimento ha generato nuovi disillusi? A Bari nemmeno una persona ha trovato impiego. Mancano le aziende che assumono.

Fallisce anche a Bari il tentativo dello stato italiano di trovare un’occupazione ai senza lavoro e destinatari del reddito di cittadinanza. Il grande flop dell’iniziativa si è abbattuta come una scure sul tessuto sociale e sulle casse pubbliche: 482milioni di euro bruciati senza che sia stato prodotto alcun risultato.

“A Bari il reddito di cittadinanza è solo l’ennesima forma di assistenza pubblica senza prospettive di emancipazione”, è il ragionamento di molti cittadini che abbiamo intervistato. “Il centro per l’impiego non riesce a collocare le persone senza occupazione”, dicono altri. Nemmeno i navigator – gli orientatori pagati dallo Stato per aiutare a trovare un lavoro ai disoccupati – hanno ottenuto finora brillanti risultati. In molti pensano che il reddito di cittadinanza sia stata una falsa soluzione per un grande problema come quello del lavoro e altrettanti sono quelli convinti che il tessuto produttivo vada alleggerito. Le aziende non assumono perché il carico fiscale è troppo pesante”.

Intanto – commentano i cittadini baresi – la gente non lavora...

Questa è la voce diretta dei cittadini baresi raccolta dalla redazione giornalistica ANMIC BARI Racconta. Editore e Proprietario #ANMIC Comitato provinciale di Bari. Direttore Responsabile Michele Caradonna.

ANMIC BARI 080.5580155 info@anmicbari.it sito: www.anmicbari.it. È presente anche su facebook: Anmic Bari Notizie. YouTube: Anmic Comitato provinciale BARI

L’ANMIC, è opportuno ricordare, è l’Associazione nazionale a tutela delle persone con disabilità, ed è presente in Italia dal 1956; si tratta dell’ente più rappresentativo della categoria con i suoi 150mila iscritti ed è riconosciuta con decreto del Presidente della Repubblica del 23 dicembre 1978.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.