SICUREZZA: BARI NON SI ADEGUA NONOSTANTE LA POSSIBILITÀ DEL DASPO URBANO

Il tema della sicurezza urbana è da sempre al centro delle attenzioni politiche e civili del consigliere comunale di Bari, Michele Caradonna, ex agente di Polizia di stato oggi impegnato politicamente in una battaglia pressante per la sicurezza della città. “I baresi – sottolinea – si sentono sicuri? Come consiglieri comunali di centrodestra stiamo lavorando su un programma ‘Tolleranza zero’ che punti a più ordine e più sicurezza”.

“Quello che urge – aggiunge Caradonna – è adottare una Daspo urbana, uno strumento utile che permetterebbe alla Polizia municipale di intervenire prontamente nei casi in cui si ravvisasse, per esempio, la necessità di sanzionare comportamenti non adatti a luoghi sensibili di fruizione pubblica o, in casi specifici, di disporre l’immediato allontanamento dei trasgressori, o, ancora, di segnalare al Questore i casi recidivi. E se si trattasse di pregiudicati l’allontanamento potrebbe arrivare ai 2 anni”.

“Questa misura – aggiunge Caradonna – sarebbe in linea con la legge sulla Pubblica sicurezza che il governo Gentiloni ha approvato l’anno scorso. Il Decreto sulla sicurezza urbana emanato dal Ministro Minniti e la legge di attuazione nr. 48 del 18 aprile 2017 – fa presente – prevedono un rafforzamento dei poteri di intervento dei sindaci al fine di tutelare e salvaguardare il decoro della città”. “Il sindaco Decaro si è accorto che diventa necessario aggiornare il Regolamento di Polizia municipale perché quello attualmente in vigore risale al 1970 e che è diventato obsoleto e anacronistico?”.

Infatti, Non abbiamo più problemi di galline in circolazione o cereali da mondare sul territorio urbano. Oggi dobbiamo fare i conti con i bivacchi nelle piazze storiche, il malvezzo di imbrattare le fontane pubbliche, gli sputi per terra, l’accattonaggio selvaggio anche nelle zone centrali della città”.

“Ricordo – conclude Caradonna – che la legge porta la firma e il nome di Marco Minniti: dirigente del Pd, lo stesso partito del sindaco Decaro, che invece fa ancora orecchio da mercante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.