BARI: EMERGENZA SICUREZZA-TERRORISMO DECARO NON RISPONDE E CARADONNA LO CENSURA

La censura avvenuta in aula consiliare il 14 novembre 2017 giunge a seguito di una lunga procedura dopo che il 25 agosto scorso avevo presentato un’interrogazione al sindaco nella quale chiedevo informazioni circa gli interventi in tema sicurezza e antiterrorismo che avrebbero coinvolto la città di Bari, tenuto conto soprattutto dell’escalation di criminalità nell’ultimo periodo.

In particolare chiedevo informazioni circa le azioni intraprese per migliorare l’operatività della Polizia Locale e dunque informazioni circa la formazione specifica per misure antiterroristiche, la previsione di attrezzature e mezzi da aggiungere a quelli già in dotazione etc..

E poi chiedevo dettagli circa l’operazione tanto pubblicizzata “fiori e non barriere”, ad esempio qualche dato tecnico e di costo in riferimento alla tipologia di “barriera” utilizzata, alle modalità di installazione e rimozione dei blocchi o delle fioriere. Forse l’interrogazione è risultata essere carica di troppi quesiti, ma in ben più di 30 giorni, termine entro il quale il Sindaco è obbligato a rispondere, e per l’esattezza ne sono passati ormai oltre 100..non ho ricevuto alcun tipo di risposta o tentativo di chiarimento.

Ritengo che quelle da me richieste siano informazioni utili anche da trasferire ai cittadini per renderli consapevoli degli interventi sulla sicurezza posti in essere dalla amministrazione comunale e dunque si spera più sereni.

Le questioni poste dai consiglieri vengono completamente ignorate, senza alcuna giustificazione. Questo è ormai il modus operandi dell’amministrazione comunale di Bari. Per tale ragione, ho richiesto la “censura” ai sensi dell’art 59 del regolamento comunale. Purtroppo, nei fatti, è una procedura che non ha nessuna conseguenza sul piano formale. Dovrebbe servire a migliorarsi, a prendere coscienza che i tempi vanno rispettati anche per onorare il ruolo che si ricopre ma, forse, anche aspettarsi questo tipo di risvolto, in chi agisce in preda alla convinzione di fare sempre e comunque bene e meglio degli altri, è chiedere troppo. È necessario dare delle risposte concrete ai cittadini, oltre ai tagli dei nastri e ospitate!! (nel video anche l'intervista realizzata dalla testata giornalistica del "Il Quotidiano Italiano" del 14 novembre 2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.