IL REGOLAMENTO PER IL WELFARE DEL COMUNE DI BARI NON È TRASPARENTE

Il comune di Bari deve dotarsi di un regolamento unico per il welfare, per intervenire nelle situazioni di disagio e soprattutto rendere omogeneo il procedimento, visto che ciascun municipio risulta indipendente e senza regole condivise. Il consigliere comunale di Bari, Michele Caradonna, tuttavia, non è favorevole al regolamento portato in aula perché – a suo avviso – carente soprattutto di trasparenza. Piuttosto proverebbe a riscriverlo, ma la maggioranza dei consiglieri decide di approvare comunque.

“La mia perplessità – riferisce il consigliere Caradonna durante il consiglio comunale del 21 aprile 2016 – sorge nel leggere alcuni articoli del regolamento. La prima domanda – prosegue – che mi sono fatto è se tutti i regolamenti dei vari piani di zona dei singoli comuni avessero le stesse indicazioni, e la risposta è no. Ho scaricato alcuni regolamenti e la correttezza e la chiarezza della scrittura permettono a chi deve fare richiesta di una tipologia di intervento, cosa chiedere e in che maniera viene erogato il servizio”. “Dieci pagine – aggiunge Caradonna – è assurdo, dove ci sono degli articoli che non garantiscono la trasparenza degli atti, i criteri per la formazione delle graduatorie poi. Fare le graduatorie delle domande che vi fanno richiesta non è un’opzione, è un obbligo!”.

Sull’emergenza abitative, per esempio – è il ragionamento di Caradonna – grazie alla task force operata dall’assessore Brandi, si è riusciti a scoprire che una serie di persone che avevano chiesto l’abitazione, in realtà nascondevano una serie di altre proprietà. “Se da un lato – ha specificato il consigliere Caradonna – abbiamo avuto la fortuna di scoprire i furbetti, dall’altra non mettiamo i paletti necessari per un’attenta verifica. Se non mettiamo questo nel regolamento, dove lo dobbiamo mettere?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.